Berillo: cos’è, descrizione e utilizzi del minerale

Esistono delle cure omeopatiche che regalano benefici effettivi, come la cristallo terapia. Uno dei minerali che è conosciuto e apprezzato già dall’antichità, è il Berillo. Si tratta di un minerale che ha diverse colorazioni che sono molto intense.

Questo vuol dire che non esiste solo una tipologia di Berillo, ma ne esistono varie. Alcune di esse sono anche impiegate nel settore della gioielleria. Infatti, l’acquamarina, ad esempio, è un Berillo che è particolarmente puro e da una colorazione stupenda.

In realtà tutti i minerali che appartengono alla famiglia del “Berillo” sono sfruttati proprio perché stimolano e influenzano delle reazioni del nostro corpo. Il Berillo è uno dei protagonisti della cristallo terapia.

Usare questo minerale contribuisce a:

  • Alleviare lo stress
  • Elimina l’insonnia
  • Calma la mente
  • Aiuta ad aprire i chakra
  • Stimola la concentrazione
  • Aumenta la crescita spirituale
  • Stimola la creatività e la forza fisica

Alcune tipologie di Berillo sono usate anche nei centri estetici per eseguire i massaggi. Tramite la loro forma, peso e superficie liscia, permette di eseguire delle “carezze” che completano i movimenti dei massaggi.

Come si presenta il Berillo

La composizione del Berillio è un misto di minerali ferrosi e terrosi, che permettono di avere diverse colorazioni in base a delle reazioni chimiche. Come tutti i minerali, anch’essi sono sottoposti ad una “lavorazione” del tempo, che poi li aiuta ad avere delle sfumature e una purezza unica.

In natura il Berillo si presenta come una semplice pietra dalle diverse forme, con superfici frastagliate e anche con delle scanalature. Maggiormente è grezzo e più la superficie sarà realmente molto ruvida. Per poi essere usato in gioielleria o anche come pietra ornamentale, essa deve venire lavorata.

Per quanto riguarda il suo valore economico, molto dipende dalla purezza della colorazione. Se è limpida è molto pregiata perché viene impiegata nella costruzione dei gioielli. Mentre per quanto riguarda le pietre da colorazioni “sporche” o da elementi inquinanti, esse sono usate per altri impieghi più “comuni”.

Le sue colorazioni

Le colorazioni del Berillo hanno permesso un impiego in tantissimi settori commerciali e artigianali. Esso si presenta:

  • Berillo rosso
  • Dorato
  • Giallo
  • Verde, cioè lo smeraldo
  • Azzurro e blu, conosciuta come l’acquamarina
  • Rosa
  • Bianco

Quelli più pregiati, che offrono una diversa purezza, sono sicuramente lo smeraldo e l’acquamarina, che sono impiegati nel settore della gioielleria. Mentre tutte le altre sono usate per decorazioni di gioielli di minore importanza, per impiego in cristallo terapia e anche a livello ornamentali.

Il Berillo in casa

Un uso che è molto apprezzato in Russia e in Oriente, è l’impiego del Berillo lavorato su ornamenti di decorazioni, complementi di arredo e statuette. Avendo in casa questo minerale si sfruttano le sue influenze “psico fisiche”. Si eliminano le famose “negatività”, l’invidia, la sfortuna e si augura prosperità.