Come riconoscere un broker di trading legale

Per investire sui mercati in maniera efficiente è necessario affidarsi a broker di trading affidabili, in regola con le normative di legge e in grado di offrire un servizio di qualità. Ovviamente farlo non è così semplice, soprattutto per un trader alle prime armi che non conosce bene il settore, tuttavia basta seguire alcuni semplici consigli per evitare qualsiasi rischio. Vediamo come riconoscere un broker di trading legale e proteggersi contro le truffe.

Controllare le licenze e le certificazioni

La prima cosa da fare prima di affidarsi a un broker di trading online è la verifica della licenza. Ogni società infatti deve essere autorizzata ad offrire servizi d’investimento, attraverso il rilascio di apposite certificazioni ad opera di enti accreditati. Di solito le piattaforme dispongono di licenze CySec, un organismo con sede a Cipro la cui presenza è molto comune vista la tassazione agevolata disponibile in questo paese.

In alternativa è possibile riscontrare anche la licenza FCA, ente inglese piuttosto rigido nella concessione delle autorizzazioni ai broker. Tali certificazioni richiedono il rispetto delle normative MiFID, direttive europee che regolano il settore del trading. Inoltre è essenziale controllare che si tratti di un broker monitorato dalla Consob, un’ulteriore segnale sulla qualità del servizio e della protezione per i trader in caso di problemi.

Ottenere informazioni sui siti web di settore

Per sincerarsi della reputazione del broker, evitando truffe e raggiri, è importante consultare sempre siti web specializzati sul trading online come Top Trading, un portale curato da trader professionisti e appassionati di finanza. In questo modo si possono ottenere informazioni dettagliate, leggendo le recensioni sulla piattaforma oppure entrando in contatto con la redazione.

Un sito web gestito da esperti consente non solo di verificare che si tratti effettivamente in un broker di trading legale, ma permette di trovare molte informazioni importanti sulla qualità del servizio, il tipo di asset proposti, i costi applicati dalla piattaforma di trading online e qualsiasi altro aspetto legato all’attività d’investimento. Alcuni portali mettono a disposizione anche un servizio di segnalazione di comportamenti scorretti, un sistema utile per avvisare gli altri utenti ed evitare operatori poco seri.

Verificare che il servizio sia adeguato al proprio livello

Un aspetto importante spesso trascurato riguarda il livello dei servizi proposti dal broker. Ogni piattaforma si rivolge a un target di trader, dai principianti agli investitori con un minimo di esperienza, fino ai trader più esperti che svolgono l’attività in maniera professionale. Quest’ultimi ad esempio avranno bisogno di strumenti avanzati e personalizzati, mentre un trader alle prime armi di un servizio adeguato a una persona inesperta, con risorse utili per la formazione e un servizio di supporto.

Capire se il broker è adatto alle proprie esigenze non è semplice, tuttavia anche in questo caso è possibile rivolgersi ai portali di trading online. Dalle recensioni è possibile capire se effettivamente il servizio è indicato, considerando il proprio livello e l’esperienza maturata fino a quel momento. Inoltre è fondamentale prestare attenzione ai propri obiettivi, puntando su broker che consentono di crescere e migliorare le proprie capacità come investitori autonomi.

Analizzare strumenti e piattaforme offerte dal broker

Una volta selezionati i broker più interessanti, dopo aver controllato le licenze, la reputazione e se il servizio offerto è adeguato al proprio livello, bisogna analizzare gli strumenti proposti dall’operatore. Innanzitutto la piattaforma deve essere moderna e facile da gestire, con la possibilità di personalizzare l’interfaccia grafica in base alle proprie necessità e al tipo di investimenti che si vogliono effettuare.

Dopodiché devono essere disponibili grafici avanzati, aggiornati in tempo reale e senza ritardi eccessivi, con opzioni utili come gli ordini dai grafici e le vendite automatiche, per proteggere le operazioni impostando ad esempio gli stop loss. Inoltre il broker deve proporre un’ampia scelta di asset, dalle valute Forex alle materie prime, dalle azioni agli indici, senza dimenticare anche le criptovalute. I titoli devono essere di qualità, quindi selezionati dalla società per offrire opzioni interessanti su cui investire.

La scelta degli asset è fondamentale per capire se il broker di trading è affidabile o meno, perciò è senza dubbio un aspetto da valutare con la massima attenzione. Infine si possono controllare anche caratteristiche come le opzioni per i conti, la presenza di un account demo per fare pratica, le commissioni applicate sugli eseguiti e naturalmente anche il servizio di assistenza, importante in caso di necessità.

Come riconoscere le truffe nel trading online

Altrettanto utile quando si vuole investire sui mercati, durante la scelta del broker di trading giusto, è capire quali sono le truffe e come individuarle. Negli anni passati questi episodi erano più frequenti, mentre oggi il settore è estremamente regolamentato e controllato, tuttavia fare attenzione rimane sempre un’attitudine preziosa. Operatori senza scrupoli si possono riconoscere facilmente, basta verificare il comportamento adottato dal professionista.

Di solito gli operatori poco seri fanno promesse di facili guadagni, invogliando i trader alle prime armi ad eccedere negli investimenti attraendoli con pubblicità ingannevoli sui vantaggi legati al trading, senza indicare i pericoli e i rischi di tale attività. Oltre a ciò usano spesso azioni di spam, un atteggiamento aggressivo per invogliare i nuovi clienti alla registrazione e all’investimento, aspetti del tutto assenti nelle piattaforme serie e affidabili.

Inoltre se il broker non è legale o poco trasparente il servizio non sarà certo di qualità, quindi mancheranno del tutto la formazione e l’assistenza, oppure nei casi più gravi addirittura le licenze e i contatti della società. Fare trading online è sicuramente un’attività ad alto rischio, tuttavia si tratta di una criticità vincolata agli investimenti e alle proprie capacità di trader, gestibile soltanto rivolgendosi a broker di trading legali e professionali.