Farfalle arancioni: quali sono le specie, significati e dove si trovano

Le farfalle sono insetti coloratissimi che possono portare piccoli momenti di gioia.
Con i loro colori brillanti, la loro delicatezza e il volo leggero, strappano sorrisi di tenerezza a chi le incontra.
Sono animali consolatori, che ci ricordano quanto la bellezza delle cose semplici sia stupefacente.
La farfalla esprime rinascita, trasformazione del brutto in bello, rivincita ed elevazione.
E’ da sempre un simbolo, come la fenice, di riscatto ed accrescimento spirituale.
Significano abbandonare il proprio corpo fisico, per passare da ciò che è visibile al metafisico.
I colori delle farfalle esprimono un messaggio in più, in base alle sfumature delle ali possiamo cogliere presagi differenti.

Farfalle arancioni, significato

L’arancio è il colore della vitalità e del sole. Incontrarla può significare la risoluzione di un problema, una guarigione interiore. E’ un segno che ci ricorda di essere ottimisti e positivi.
Se una farfalla arancione entra in casa, allora avremo presto visite allegre e occasioni sociali divertenti.
Se invece la individuiamo in un prato, si apriranno nuovi punti di vista davanti a noi.

Colore Arancione

Le farfalle prettamente arancioni sono rare, ma esistono alcune specie che hanno in prevalenza questo colore. Al contrario di ciò che si pensa, le ali sono trasparenti, pigmentate da piccole scaglie simili a minuscole tegole. Queste scagliette sono la famosa “polverina” che ci resta tra le dita se prendiamo una farfalla per le ali.
Tra le più comuni ci sono le Aglaie, le Licene, Melitee e Vanesse del cardo.

Farfalle con base arancione

Le farfalle non sono mai di un solo colore. Viste da vicino hanno un colore di base ma poi tante macchie e sfumature completamente diverse. Esistono solo in Italia più di 300 specie, qui citeremo 4 tipologie che hanno l’arancio come colore prevalente.

Aglaia: tipica delle isole, depone le uova principalmente su alcune specie di viole. Ha un’ apertura alare di circa 5 cm, e un corpo scuro ricoperto di peli. E’ abbastanza solitaria, le sue larve sono nere e arancioni, a richiamare il futuro colore delle ali.

Licena: in pericolo di estinzione, questo insetto è completamente arancione nei maschi. I bruchi si nutrono di Romice, una pianta tipica dei luoghi acquitrinosi. Si può trovare in prevalenza in pianura padana, anche se la riduzione delle paludi a causa dell’inquinamento sta mettendo a dura prova la sua esistenza. E’ una farfalla dal volo molto veloce.

Melitea: Molto più piccola e più lenta delle altre. E’ solitaria, e le sue larve preferiscono piante primaverili come ad esempio la valeriana. La si può avvistare nei boschi

Vanessa del Cardo: Questa splendida farfalla europea compie qualcosa di miracoloso. Pesa meno di un grammo ma è in grado di emigrare fino in Africa! E’ infatti una tipologia estiva che ama il caldo.
Gli adulti si cibano di girasoli, ma durante il loro lungo viaggio di migrazione si succedono ben 6 generazioni.