Husky: caratteristiche, comportamento e addestramento della razza

Gli Husky sono splendidi cani originari della Siberia, che ricordano molto l’aspetto di un lupo.
Sono una razza molto particolare, averli in casa è come avere un piccolo bambino:
Tanti guai e molta dolcezza!
Sono nati più di 500000 anni fa come cani da slitta. Riescono a sopportare bassissime temperature e amano la neve, per questo motivo sono stati impiegati come cani da lavoro nelle zone più rigide della terra.
Qualcuno ricorderà il film Antarctica (1983) dove i protagonisti sono proprio 15 cani Husky abbandonati in Antartide. La storia è vera e narra di una spedizione in cui gli esploratori si vedono costretti a rientrare a casa senza portare con sé i loro cani.
Dopo un anno, al loro ritorno, convinti di dover seppellire i loro amici, ne troveranno miracolosamente ancora due in vita.
Questo fa comprendere come l’Husky sia un cane estremamente forte e resistente a condizioni estreme.

Caratteristiche degli Husky

Gli Husky hanno un doppio strato di pelo che gli permette di isolarsi sia dal caldo che dal freddo. Vanno spazzolati spesso onde evitare di raccogliere batteri e riempire la casa di peli durante le mute.
Sono alti circa 60 cm al garrese, con un peso che si aggira intorno ai 28 kg massimo.
E’ di taglia media, ma ha una muscolatura possente che necessita continua attività fisica.
I colori del manto sono diversi: variano dal bianco al rosso e dal nero al beige. Possono avere sfumature davvero particolari e presentare anche alcuni casi di eterocromia (pupille diverse).
Si pensa infatti che l’Husky sia rigorosamente con gli occhi azzurri, ma questo non è vero.
Proprio la vista è il loro punto debole: con la vecchiaia possono presentare problemi con glaucomi e cataratta.

Comportamento

Questi cani sono dei veri e propri bambini irruenti. Sono dolci col padrone e si accompagnano volentieri con gli altri cani. Nei confronti dei piccoli di casa sono teneri e giocherelloni.
Non sopportano la solitudine e per questo sono molto impegnativi.
Hanno un istinto che non gli permette di essere addestrati fino in fondo.
Sono predatori, quindi bisogna tenerli lontano da galline, topi, conigli e uccellini.
Non sono adatti a fare la guardia.
La loro indole socievole rischierebbe di fargli fare amicizia con eventuali intrusi!
Richiedono lunghe passeggiate e corse sfrenate, quindi non si addicono a chi non ha tempo da dedicargli.

Addestramento

Devono assolutamente essere educati fin dalla tenera età.
Un addestramento in età adulta è praticamente vano.
Per farsi rispettare è meglio trattarli definendo bene le gerarchie: assecondarli troppo finirebbe per renderli ingestibili.
Data la loro natura testarda, è necessario avere molta pazienza.
Premiarli quando hanno comportamenti corretti ed ignorarli quando non rispondono ai comandi sono le direttive migliori che si possano prendere.
Quando non si possa fare altrimenti che lasciarlo solo, è preferibile abituarlo ad una stanza sola ben preparata per loro.
Purtroppo tendono a distruggere mobili e a ululare per noia!

In sintesi questa razza ben si sposa con addestratori o chi ha già esperienza con i cani.