Napercise, in palestra per dormire: Esercizi base

L’ultima frontiera in campo fitness passa attraverso il boom delle adesioni alla Napercise, l’innovativa possibilità di unire il riposo legato al sonno a specifici esercizi di allenamento, alternando sforzo fisico e riposo.

La terminologia inglese Napercise deriva dall’unione delle parole “nap” ed “exercise”, ovvero “pisolino ed esercizio”, esaltando l’idea tradizionale del fitness in abbinamento al riposo rigenerante a seguito dei ritmi frenetici quotidiani.

La Napercise potrà essere praticata all’interno di una stanza comune, quale la palestra, dove seguire un programma dettagliato di esercizi in presenza di altri iscritti, alternando allo sforzo fisico un periodo di pausa dedicato espressamente al sonno con tutti i comfort del caso annessi.

Napercise: origini e caratteristiche della nuova disciplina sportiva

L’ultima frontiera in campo fitness si basa sul recupero del riposo all’interno dei ritmi odierni, sempre più frenetici, unita alla necessità di perdere peso o salvaguardare la propria forma. La Napercise in questo caso riesce a coniugare esercizio fisico e sonno attraverso un programma collettivo comune.

La Napercise è stata ideata dalla palestra ‘David Lloyd Clubs‘, originaria dell’Inghilterra, la quale dispone attualmente di ben un’ottantina di sedi filiali sparse per il territorio inglese e l’Europa. La principale sede della palestra David Lloyd Clubs presenta un piano di allenamento comune curato nei minimi dettagli, replicato a sua volta all’interno del resto delle filiali.

Ogni sessione di allenamento si suddivide in esercizi legati allo stretching e al rilassamento, passando per una sessione di riposo psichica legata al sonno, terminando il tutto con ulteriori esercizi di stretching finali. La durata complessiva di una seduta di Napercise comprende 60 minuti di allenamento all’interno dei quali dedicarsi anche al riposo.

Napercise: i metodi di allenamento

Quali risultano nello specifico gli esercizi integrati all’interno di una sessione di Napercise? L’allenamento prevede un piano suddiviso in mobilità fisica, rilassamento, riposo e rilassamento finale.

Alla nuova frontiera fitness della Napercise si trovano soprattutto le proprietà benefiche nei confronti dell’organismo esercitate dal riposo pomeridiano, ovvero la famosa pennichella. I metodi di allenamento andranno ad alleviare lo stress accumulato nel corso delle giornate promuovendo al tempo stesso riposo, attività fisica e socializzazione.

La presenza di un istruttore qualificato garantirà ai presenti una sessione equilibrata di  stretching iniziale, esercizio fisico mirato, pausa da dedicare al riposo e al sonno unita alla presenza di letti, oppure materassi e mascherine per gli occhi, stretching rilassante finale. I minuti di tempo dedicati ad ogni fase saranno decisi dal personale preparato sulla base della disponibilità di tempo, generalmente pari a circa un’ora.

Napercise: i benefici per mente e fisico

I benefici della nuova attività sportiva Napercise si suddividono in effetti sia psicologici che fisici. Dal punto di vista del corpo gli schemi di allenamento mirano al rilassamento e al mantenimento del tono muscolare, incrementando il metabolismo basale e la resistenza, mentre dal punto di vista psichico la Napercise interviene a contrasto dei forti periodi di stress, in favore del recupero del sonno e della stabilità emotiva.

La Napercise può essere definita come un’attività sportiva blanda ma estremamente efficace nel corso del lungo periodo, adattandosi a qualsiasi soggetto senza distinzioni di età.