Dove lavora un grafico pubblicitario?

I grafici pubblicitari sono dei professionisti dotati di una grande creatività, abilità tecnica e passione artistica. Quello della grafica pubblicitaria è un settore ampio che offre un gran numero di offerte lavorative. Vuoi intraprendere la carriera del grafico pubblicitario e vuoi avere qualche informazione in più a riguardo? Fermati, sei nel posto giusto.

Di seguito ti aiuterò a capire dove lavora un professionista della grafica pubblicitaria ed in che modo l’ambiente di lavoro può influire sul lavoro stesso.

Lavora in un’azienda

Lavorare in un’azienda vuol dire avere la sicurezza di inserirsi all’interno di un’organizzazione e di un marchio già avviato. Il team può essere grande o piccolo, ma la cosa più importante è che un grafico pubblicitario debba possedere delle ottime capacità di progettazione generale per soddisfare tutte le esigenze creative dell’azienda. Lavorare in un ambiente simile ti aiuta a crescere, a comprendere un brand ed i suoi obiettivi. Puoi infatti acquisire molta esperienza nel settore, apprendere da chi ne sa di più e soprattutto avanzare di livello. Se vuoi separare casa e lavoro, l’azienda è il luogo giusto in cui puoi svolgere la tua professione. Inoltre lo stipendio è fisso e sicuro al contrario di chi lavora come freelancer che deve costruirsi una solida e costante clientela. Per lavorare in un ambiente simile devi essere disposto a comunicare di più, a spiegare ciò che vuoi fare e essere pronto al possibile rifiuto di un tuo progetto.

Lavora in un’agenzia di grafica pubblicitaria

Le agenzie di grafica pubblicitaria, come www.graficashop.it, offrono servizi a clienti esterni per realizzare lavori creativi per le loro specifiche esigenze. Ciò significa che il grafico pubblicitario deve avere a che fare con un gran numero di brand. Le agenzie di questo settore solitamente assumono grafici specializzati in una o più cose in modo tale da inserirli in vari progetti. Tali progetti tendono ad essere a breve termine e limitati ad una campagna pubblicitaria specifica. Lavorare in questo ambiente è perfetto se vuoi avere a che fare con diversi brand e se vuoi mettere in pratica le tue idee e le tue abilità creative. Sappi però che le aspettative verso di te saranno molto alte in quanto dovrai gestire completamente un progetto. Ciò avvantaggia le tue abilità progettuali e velocizza lo sviluppo del progetto, in quanto eviterai la fase di comunicazione con i tuoi colleghi. In un’agenzia di grafica pubblicitaria avrai la possibilità di imparare molte cose dai tuoi mentori. L’unico rischio è che se c’è poco lavoro, l’agenzia tenderà a tagliare fuori e licenziare alcuni dei suoi grafici pubblicitari. Inoltre, se i progetti sono tanti, il ritmo di lavoro sarà molto alto e dovrai rispettare le scadenze.

Lavora come free lance

I grafici pubblicitari freelance non sono altro che dei lavoratori autonomi. Essi sono responsabili di ogni aspetto della loro attività: marketing, rapporto con i clienti, contabilità e fatturazione. Quindi, se scegli di diventare un grafico pubblicitario free lance devi possedere capacità che vanno oltre la semplice programmazione grafica. La cosa positiva è che puoi lavorare dove vuoi, come vuoi e quando vuoi, basta che tu abbia una connessione Wi-Fi. Come libero professionista puoi infatti adattare il tuo lavoro a seconda dei tuoi impegni personali e del tuo tempo libero, purché non intacchi la tua produttività ed il tuo carico di lavoro. Da freelancer avrai un’enorme libertà creativa e sarai libero di accettare o no un lavoro. Tuttavia, se vuoi sopravvivere, ti consiglio di mantenere una base affidabile di clienti e di non essere troppo esigente agli inizi. L’aspetto negativo di lavorare come free lance è quello di non avere colleghi o collaboratori. Inoltre dovrai cercare tu stesso il lavoro che in alcuni mesi può scarseggiare. La retribuzione è dunque varia molto, sopratutto se hai appena iniziato a svolgere quest’attività.

Comments are closed.