Monthly Archives: June 2016

Conoscere e cancellare le rughe

rugheSapevi che non tutte le rughe sono uguali? Facciamo presto a dire «rughe», ma la loro genesi è influenzata da diversi fattori, anche se lo scorrere del tempo è il tratto comune fra tutte loro.

Esistono le rughe d’espressione o muscolo-mimiche come le zampette di gallina intorno agli occhi, le glifiche di chi ha preso troppo sole, le nasogeniene, quelle che vanno dai lati del naso agli angoli della bocca.

Puoi ridurre o prevenire le rughe con la giusta beauty routine meglio se accompagnata dalla ginnastica viso.

Per una fronte distesa, scegli cosmetici con formule ricche di additivi idratanti ed antiossidanti ad effetto tensore. Gli ingredienti consigliati sono le proteine della seta, mucillagini e oligopeptidi come l’argillina che regalano un naturale effetto botox.

Un buon antidoto, unito alle creme, è la ginnastica facciale da eseguire tutti i giorni, due volte al dì per una decina di minuti.

Per i segni orizzontali, alza le sopracciglia senza corrugare la fronte ed appoggia gli indici al di sotto dell’arcata sopraccigliare per contrastare il movimento.

Per i segni verticali, aggrotta le sopracciglia premendo con gli indici nella parte sottostante per distendere la pelle.

Attenua le zampe di gallina con creme specifiche a base di acido ialuronico, che combatte la disidratazione, collagene e polidrossacidi che svolgono un’azione fortemente elasticizzante.

Per le rughe nasogeniene usa un gel ad effetto repulp con zuccheri specifici e oligopeptidi che stimolano la produzione di collagene ed elastina per prevenire la perdita di tono e rimpolpare le zone vuote.

Cos’è il Self Tan?

self tanCon l’estate alle porte ci tocca dire arrivederci a calze e maniche lunghe per tirar fuori gambe e braccia. Ma come scongiurare l’effetto bianco latticino?

Niente paura, arriva in nostro soccorso il Self Tan, un prodotto di ultimissima moda che promette una tintarella virtuale ed un aspetto dorato proprio come dopo una vacanza al mare.

Sei tentata? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Con i self tan ti abbronzi senza sforzi e in sicurezza: questi prodotti agiscono grazie alla presenza di diidrossiacetone, una molecola che ossida la cheratina della pelle donandoti il classico color oro dell’abbronzatura.

Con gli autoabbronzanti del passato rischiavi di diventare arancione più che dorata, oggi non è più così. Merito di uno zucchero, l’eritrulosio, che interagisce con le cellule epidermiche favorendo una sfumatura omogenea e naturale.

Con una sola applicazione potrai sfoggiare gambe e braccia colorite, dicendo addio a lettini e docce solari. Ricorda, però, che il trattamento non dura a lungo, dovrai ripetere l’applicazione ogni 10-15 giorni.

I self tan, disponibili in diverse texture e tonalità, non proteggono dai raggi solari. Quindi se prevedi di esporti al sole stendi una protezione su tutto il corpo per evitare di scottarti.

Consigli utili

Non essere frettolosa e stendi il prodotto accuratamente sulla pelle perfettamente asciutta.

Presta attenzione a gomiti e ginocchia: non eccedere con la quantità in queste zone perchè la cute è più spessa e potrebbe pigmentarsi troppo.

Ricorda di lavare sempre le mani dopo l’applicazione per evitare che i palmi si colorino.